Come funziona l'algoritmo LinkedIn

 

Secondo le statistiche dei social media, LinkedIn sta crescendo sia in termini di numero di utenti che di nuove funzionalità. Infatti, LinkedIn conta oggi oltre 706 milioni di utenti in tutto il mondo.

Questa crescita significa che LinkedIn è un'ancora migliore piattaforma per la costruzione di imprese e relazioni professionali, oltre a trovare nuove opportunità di sviluppo professionale. Ma significa anche che c'è più competizione per l'attenzione del vostro target di riferimento.

I marketer devono imparare esattamente come funziona l'algoritmo di LinkedIn in modo da poter stare davanti alla concorrenza. Volete mantenere il vostro posto come leader del settore e per farlo dovete capire come utilizzare l'algoritmo LinkedIn a vostro vantaggio.

L'algoritmo di LinkedIn determina quali contenuti compaiono nel feed del vostro pubblico di riferimento e quali post non hanno priorità. Imparando come funziona, potete ottimizzare i vostri contenuti per massimizzare la vostra portata.

La buona notizia è che utilizzare l'algoritmo LinkedIn per ottenere i migliori risultati su LinkedIn è più facile di quanto si possa pensare. Diamo un'occhiata più da vicino.

Come funziona l'algoritmo LinkedIn 2020

Il contenuto su LinkedIn è classificato come uno dei seguenti: immagine, testo, video, link e forma lunga. Il contenuto viene distribuito a un campione di persone a seconda della classificazione del post.

Il post può essere degradato per essere di bassa qualità o mostrato a più persone perché classificato come di alta qualità. Questo dipende dalle diverse azioni che gli utenti intraprendono quando vengono mostrati i contenuti. Come previsto, i post che attirano un maggiore coinvolgimento saranno prioritariamente classificati dall'algoritmo di LinkedIn. I redattori rivedono anche i contenuti per vedere se devono essere distribuiti al di fuori della rete dell'utente.

Quindi, per dirla in parole povere, i posti di alta qualità che guidano l'impegno sono prioritari da LinkedIn. Questi post si rivolgono a più persone e per un periodo di tempo più lungo. Questo è il punto in cui vuoi che i tuoi contenuti siano se sei un marketer e vuoi raggiungere più persone, generare più contatti e aumentare le tue entrate.

Il feed LinkedIn è ordinato per default per "Top Updates". Questi post si basano anche sulla vostra attività: ovvero gli account con cui interagite regolarmente cliccando su "Mi piace", oppure commentando e condividendo. Tuttavia, gli utenti di LinkedIn possono anche ordinare gli aggiornamenti in ordine cronologico, se lo desiderano.

Come apparire meglio nella ricerca su LinkedIn

L'impegno e la portata sono ricompensati dall'algoritmo di LinkedIn, il che significa che non è molto diverso dalle altre piattaforme di social networking. Se si riesce a ottenere un sacco di interazioni e di impegno, si otterrà la massima portata con i contenuti.

La chiave è coinvolgere gli utenti in conversazioni genuine e significative. Invece del gergo e dell'autopromozione, incoraggiare i lettori ad avviare discussioni. Creare contenuti che facciano scintille in questo tipo di conversazioni.

È quindi intelligente evitare di far cadere i collegamenti e di aspettarsi che le persone si impegnino con voi. Dovete rispettare l'aspetto sociale dei social media se volete intraprendere la strada del marketing LinkedIn.

Oltre a creare e pubblicare contenuti di alta qualità, è necessario aggiungere parole chiave e hashtag che aiuteranno il vostro pubblico trovare i vostri contenuti più facilmente. Se pubblicate contenuti rilevanti per gli interessi del vostro pubblico di riferimento e aggiungete parole chiave che vi aiutano a trovarvi, i vostri contenuti attireranno un maggiore coinvolgimento.

Fattori di classifica per LinkedIn SEO

Le parole chiave e l'impegno sono alcuni dei fattori che influenzano la vostra classifica per LinkedIn SEO. Individuare i tipi di post che aumentano il vostro raggio d'azione in modo organico può anche aiutarvi enormemente.

Non rifuggire da brevi messaggi di testo che attirano l'attenzione e scatenano conversazioni. I messaggi basati su domande, ad esempio, vanno particolarmente bene su LinkedIn. Le domande sono messaggi che chiedono letteralmente di impegnarsi e incoraggiano le conversazioni con il pubblico. Quando si pone una domanda, gli altri sono naturalmente incoraggiati a dare una risposta. Fate domande legate al vostro settore: le persone amano dare le loro opinioni su vari argomenti.

I post di dimensioni ridotte che condividono piccoli aggiornamenti sulla tua attività o anche sulla tua vita personale possono aiutare a guidare l'impegno. Pensateli come gli aggiornamenti di stato su Facebook: sono post brevi, accattivanti, basati su testo, che possono attirare molta attenzione. Non c'è niente di commerciale e non ci sono link.

Date al vostro pubblico un consiglio veloce o un consiglio prezioso. I post brevi sono ottimi per mantenere il tuo programma di contenuti completo tra i tuoi articoli in forma lunga.

Inoltre, le ultime notizie e gli eventi del settore forniscono contenuti di attualità e sensibili al fattore tempo che il vostro pubblico target deve conoscere. Dimostra anche ai vostri seguaci che avete un polso sul vostro settore. Tenete d'occhio le storie di tendenza e siate presenti quando le notizie si diffondono.

I video e le immagini sono strumenti efficaci per catturare l'attenzione del vostro pubblico di riferimento. E per la loro natura visiva, tendono anche a trattenere l'attenzione del vostro pubblico. È un buon modo per far parlare la gente di qualcosa. Se il vostro video diventa virale, l'algoritmo di LinkedIn lo apprezzerà sicuramente.

Naturalmente, il punto di diventare virale e utilizzando l'algoritmo LinkedIn a vostro vantaggio è raggiungere più persone. Non limitatevi a pubblicare articoli e video di clickbait per catturare l'attenzione della gente, perché questi non faranno altro che danneggiare la vostra credibilità. Cercate di parlare sinceramente con il vostro pubblico e di creare conversazioni significative. In questo modo creerete relazioni molto più preziose.

Programmare una demo -
Fai crescere il tuo business